fbpx

Brand marketing in tempo di coronavirus

95
Share

In questo articolo ti racconterò la strategia di brand marketing di un’ azienda che ha sfruttato il momento di emergenza coronavirus per migliorare l’immagine proiettata sul cliente.

L’azienda di cui ti parlerò non è l’unica ad aver reagito virtuosamente a quello che poteva essere un duro colpo per il proprio business, e ritengo sia utile e saggio avere un occhio attento a ciò che succede in altri mercati, anche se apparentemente non hanno nulla a che fare con quello in cui operiamo noi.

Farsi contaminare, farsi ispirare da esempi virtuosi ci aiuterà nel ragionare e pianificare le strategie della nostra azienda.

Ma veniamo al dunque. L’azienda di cui ti parlo, come la farmacia, fonda il loro business sostanzialmente su una vendita offline.

L’emergenza sanitaria ha costretto tutti ad attuare dei comportamenti differenti, a mettere in pratica quello che chiamano social distancing.

Una situazione con cui verosimilmente dovremo convivere per un bel po’ di tempo. Comportamenti che andranno a definire il così detto new normal. Un nuovo modo di vivere e di relazionarsi che ci ha fatto capire quanto fragili siamo.

Sia come individui che come economia mondiale.

Tutti i paradigmi validi fino a fine febbraio oggi non valgono più, o quasi, ed è per questo che molte aziende si sono ritrovate a rivedere il loro modello di business.

In questo articolo ti parlerò di alcune scelte interessanti che possono esserti utili per fare un ragionamento e pensare a qualche strategia valida anche per la farmacia nel medio-lungo periodo.

Il Branding di Eventbrite

Molti di voi lo conoscono, io l’ho usato alcune volte anche per organizzare dei miei eventi. 

Eventbrite è una piattaforma utilizzata per la vendita di biglietti per eventi offline.

Sostanzialmente guadagnano attraverso le commissioni per ogni biglietto venduto.

Chiaramente in questo periodo di quarantena, e per i prossimi mesi questo è un mercato che ne risentirà estremamente.

Potenzialmente i loro profitti si sarebbero potuti ridurre a zero.

Cos’hanno fatto?

Se vai nel loro sito internet vedi che il messaggio principale è “connettiti attraverso gli eventi online”.

Ma quali eventi? Tutti (quelli promossi da loro), ma soprattutto quelli gratuiti. Quelli per cui per partecipare non devi pagare nessun biglietto d’ingresso.

Come guadagna quindi eventbrite da questo?
Praticamente non ci guadagna nulla. Nel breve periodo.

Eventbrite sta investendo nel brand marketing

Eventbrite non sta vendendo in questo periodo. Sta solamente creando una relazione con il cliente.

Una relazione che capitalizzerà quando tutto sarà finito e si potrà ri-iniziare a partecipare agli eventi offline.

In quel caso la persona che in questi giorni ha partecipato ad eventi online grazie all’intermediazione di Eventbrite si sarà affezionata al servizio e le sembrerà naturale procedere attraverso quel canale.

Insomma Eventbrite non ha fatto altro che investire sul personal brand.

Ogni volta che si fanno operazioni di branding si agisce in ottica futura.

Fare brand marketing è infatti un operazione che mettiamo in pratica in un’ottica di medio-lungo termine.

Che insegnamenti può darci l’idea di Eventbrite applicato alle farmacie?

Il brand farmacia.

Come sai il brand non è la marca. Brand è più che altro la reputazione, l’immagine, la parola che il cliente ha in testa quando pensa alla tua azienda.

In questo periodo le farmacie si stanno comportando egregiamente rivelandosi il primo presidio sanitario per il cittadino e l’avamposto della sanità sul territorio.

Ovviamente in questi giorni il cittadino va in farmacia prevalentemente per necessità (salvo quei casi di persone che la utilizzano come una scusa per uscire di casa).

Il cliente quindi sta naturalmente vedendo il farmacista e la farmacia come uno dei pochi punti di riferimento in questo periodo difficile.

La farmacia quindi sta già aumentando il suo personal brand (quasi) senza volerlo.

Tuttavia è giusto anche pensare al futuro e a come questo periodo può trasformare l’idea che il cittadino ha della farmacia.

Brand marketing in farmacia.

Questa autorevolezza, che prima onestamente un po’ mancava, può essere incrementata proprio creando una relazione forte con il cliente.

Come si fa? Come Eventbrite si sta mettendo a totale disposizione del cliente rivelandosi utile, anche la farmacia deve essere utile.

Attenzione, utile in punto vendita i farmacisti lo sono già, eccome! Ma quando il cliente torna a casa?

E quando invece preso dalla noia scorrerà le notizie sul cellulare o quando vorrà informarsi attivamente?

L’autorevolezza, la credibilità del farmacista sono dei valori di un’importanza estrema per il cittadino, soprattutto in questo momento.

Pubblica contenuti di valore. Informa il cliente ad esempio sul comportamento corretto da tenere in casa e quando si esce per fare la spesa per ridurre al minimo il rischio di contagio.

Aiutalo a trovare informazioni utili facendo da ponte con qualche sito autorevole come ad esempio quello del Ministero della Sanità ed evitando il propagarsi di fake news.

Va bene anche investire del tempo nel parlare (inter)attivamente con il cliente (storie su Facebook, Instagram, Youtube) per rispondere alle sue domande e capire le sue esigenze.

Brand marketing è questo: investire nel rapporto con il cliente in modo che si leghi fortemente a te e per posizionarti stabilmente nella sua testa associato al concetto di credibilità e autorevolezza.

Aiutarlo veramente oggi è la più efficace strategia di branding che tu possa fare.

Il futuro ti darà ragione.

Francesco

Related Posts
95 Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *