fbpx

Come usare Telegram in Farmacia

90
Share

In questo articolo ti spiegherò perché usare il canale Telegram per la tua farmacia potrebbe essere una buona scelta per comunicare in maniera diretta con i tuoi clienti.

Andremo a vedere perché è uno strumento comodo per impostare una comunicazione unidirezionale che possa informare il cliente in maniera ufficiale senza essere interrotti da risposte o messaggi che non c’entrano nulla.

Comunicare con il proprio pubblico è un’attività fondamentale per ogni azienda.

Fondamentale.

Se l’azienda, che sia farmacia o azienda di scarpe o telefonia, non ha un contatto diretto con il cliente questi non non verrà mai fidelizzato davvero (lo spiego meglio qui).

A volte però la comunicazione può essere problematica da gestire.

Pensa a tutti quei casi, dalle pagine social a tema politico o calcistico fino ad arrivare ai gruppi whatsapp delle mamme a scuola.

Quelli sono tutti casi in cui un aumento della comunicazione non fa altro che aumentare quello che io chiamo il rumore di fondo.

Quel surplus di informazioni, spesso irrilevanti, che ti rendono più difficile usufruire dei contenuti.

Un sovraccarico di informazioni che va oltre il suo scopo principale e quindi rischia di avere un effetto controproducente sulla pagina stessa.

Solo pochi utenti leggeranno davvero i contenuti ed ancora meno parteciperanno attivamente alla comunità.

Lo stesso può accadere ad una farmacia.

La comunicazione in farmacia

La comunicazione in farmacia la conosciamo in due forme: online e offline.

Dentro la farmacia (offline) un cliente normalmente si trova di fronte ad un sovraccarico di informazioni.

Non ci credi? Prova a pensarci.

Attaccati alla porta ci sono almeno 3-4 comunicazioni diverse: orari, eventuali comunicazioni della farmacia, iniziative, indicazioni su pagamenti innovativi. 

Il cliente poi entra in farmacia e nel 99% dei casi trova un espositore. A fianco uno scaffale con tanti altri prodotti. 

Una reglette porta comunicazione con qualche informazione circa l’attività della farmacia.

Poco più in là un altro espositore, e poi un altro. E un altro ancora.

A terra alcune volta una comunicazione orizzontale.

Prima di arrivare a banco il cliente è statisticamente entrato in contatto con almeno 10-15 informazioni diverse.

Il risultato è ovviamente che il cervello “stacca” e va in risparmio energetico.

Il cliente arriva quindi a banco estremamente concentrato su ciò che deve chiedere e per nulla ricettivo di quello che potete offrirgli.

Alla farmacia serve (anche) Telegram per comunicare

Spesso capita lo stesso online.

Una pagina Facebook è inondata da commenti, post degli utenti, e pubblicità inutili per il proprio brand positioning che il visitatore perderà la maggior parte delle informazioni rilevanti semplicemente perché non le ha notate. (qui trovi il perché)

Ripulire la comunicazione dal rumore di fondo

Ti sarai quindi reso conto di quanto importante sia offrire una comunicazione il più possibile semplice e diretta per non rischiare di essere fraintesi o perdere l’attenzione del cliente prima che diventi realmente interessato a ciò che hai da dirgli.

Telegram: come sfruttarlo

Un canale Telegram ti sarà utilissimo per pubblicare comunicazioni al tuo gruppo senza che questi possano interagire.

Fantastico no?

Ora immagino che tu sia pensando: “Si, Francesco, proprio fantastico, ma non ci dici sempre che è importante instaurare una relazione con il cliente? Come faccio ad instaurarla se lui non ha la possibilità di rispondermi?”

Corretta osservazione ma pensa a tutti gli strumenti che la tecnologia ci propone al giorno d’oggi.

A differenza di qualche anno fa infatti i mezzi di comunicazione che ognuno di noi può utilizzare con i suoi clienti si sono moltiplicati.

Prendiamo ad esempio (a caso) una farmacia e vediamo quali sono i canali utilizzati normalmente da questa, tralasciando quindi le altre decine di mezzi per comunicare che peraltro non sono in target con questa.

  • Facebook
  • Instagram
  • Whatsapp
  • Sito internet
  • Blog
  • Twitter
  • Telegram

Vuoi dirmi che comunicherai allo stesso modo con tutti?

Attenzione. Molti commettono questo errore.

Tanti pensano che un’azienda debba scegliere uno di questi social network (si, anche whatsapp e telegram lo sono) e utilizzare solo questo.

Niente di più sbagliato, e c’è un motivo.

Tu con la tua farmacia ti rivolgi ad un pubblico abbastanza grande che comprende i tuoi clienti e i tuoi potenziali clienti.

Come puoi pensare che tutte queste persone preferiscano utilizzare lo stesso mezzo di comunicazione?

Ci sarà l’utente che passa più tempo su Facebook, quello che reagisce più facilmente a degli stimoli visivi quindi su Instagram, e quello che invece preferisce una comunicazione più privata, silenziosa e diretta, come nel caso dei canali Telegram.

Insomma ci sono tante preferenze e tanti canali. 

Dobbiamo usarne più di uno per venire incontro a più gente possibile.

No, non è così complicato.

Non devi pensare che più canali di comunicazione necessitino di più contenuti diversi.

Non devi neanche pensare che se pubblichi ora su Facebook devi precipitarti a fare lo stesso su Telegram. 

Ogni piattaforma avrà il tipo di contenuto idoneo per questa. Devi solo renderlo adatto.

Su Facebook, e mi concentro qui perché è indiscussamente i più usato da tutti, farmacie comprese, il contenuto dovrà essere utile, interessante. (Presto scrivo un articolo su questo) Un contenuto che servirà per far interagire le persone con la pagina e per far crescere la community

Su Telegram invece il contenuto dev’essere più a carattere informativo, simile ad un annuncio.

Dovrai utilizzarlo per dare informazioni che non necessitano di una risposta.

Esempio: Avvisiamo i clienti che da domani la farmacia entrerà nella settimana del turno per cui potranno trovarci dalle ore xx.xx alle yy.yy.

Oppure puoi pubblicare un avviso riguardante la nuova disponibilità di un farmaco fino a quel momento mancante.

Allo stesso tempo sono alcuni contenuti, come per esempio quelli riguardati il turno che è bene condividere in ogni piattaforma perché forniscono un informazione generale.

Molti altri contenuti invece dovrai selezionarli.

Ricorda che Telegram che è un servizio di chat e quindi la percentuale di lettura è estremamente più alta rispetto a Facebook perché tu farmacia, sarai un suo contatto, e non una delle tante pagine che appare sulla newsfeed di Facebook.

Perché sforzarsi così tanto per la comunicazione della farmacia?

Perché in un mondo iper complesso e iper informato non puoi permetterti di non far sentire la tua voce al cliente.

In giro per la rete ci sono una quantità infinita di contenuti interessanti e business che possono toglierti clienti solo per il fatto che sono interessanti, utili e easy to use.

Il cliente si sta spostando sempre più online che sta diventando un vero e proprio luogo dove passare le proprie giornate.

Devi esserci anche tu e per rendere più efficace la tua comunicazione devi sfruttare tutti gli strumenti (peraltro gratuiti) che hai a disposizione.

Sostengo sempre che una farmacia che comunica online deve avvicinarsi sempre più ad un’emittente.

Pensaci, quale altra attività commerciale gode di una credibilità così alta come la farmacia?

Sarebbe un peccato non sfruttarla per parlare con i propri clienti in maniera utile.

Perché proprio Telegram

Telegram è l’unico servizio che offre questo tipo di servizio.

Anche whatsapp ha aperto un account business però manca della funzione canali.

Il luogo come ti dicevo in cui l’impresa imposta un vero e proprio canale di comunicazione unidirezionale con il cliente.

Telegram inoltre è scaricabile su ogni dispositivo per cui lo troverai sempre con te e i contenuti che pubblicherai verranno caricati senza essere compressi quindi senza perdita di qualità, utile se si tratta di un documento con parole scritte in piccolo.

Francesco

Related Posts
90 Comments
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *